mercoledì, 3 luglio 2019

Samsung ammette di aver pagato studenti per finte recensioni in rete

Samsung negli ultimi anni ci ha ha abituato a tutto, ed una delle ultime notizie apparse in rete riporta che l’azienda coreana ha pagato degli studenti per inviare false recensioni web che criticano i telefoni rivali come quelli di HTC.  Dopo le accuse messe in rete da un quotidiano coreano, Samsung da parte sua ha confermato lo “sfortunato incidente”, sostenendo che è andata contro i suoi  “principi fondamentali”.

HTC-One

Possibile quindi che anche alcuni dei ragazzi immortalati a denigrare dispositivi Apple possano essere stati ingaggiati dall’azienda con le stesse modalità.

Al momento non c’è modo per dimostrare alcun collegamento tra l’attività di marketing di Samsung contro HTC ed i commenti nei confronti di altri produttori al di fuori di quel paese. Tuttavia, l’ammissione di complicità di Samsung in questo caso rende straordinariamente facile pensare che l’azienda abbia pagato persone per attacchi online contro tutti i suoi concorrenti.

La filiale taiwanese di Samsung ha confermato tramite la sua pagina Facebook che ha cessato tutte le attività di marketing simili, aggiungendo che il recente incidente è stato sfortunato, e si è verificato a causa di una insufficiente comprensione di questi principi fondamentali.

La società ha ora in programma corso di formazione per i dipendenti per garantire che questi eventi non vengano ripetuti. Qualora la Taiwan Fair Trade Commission trovasse Samsung colpevole di impegnarsi in “pubblicità ingannevole“, la società con il suo agente locale potrebbe essere multata fino a 25 milioni di dollari taiwanesi, pari a circa 837 mila dollari.

Non certo una bella figura questa per Samsung, che dopo l’accusa e la sentenza di violazione dei dispositivi Apple cade anche in questo caso di pubblicità ingannevole non certo simpatico per un colosso come Samsung.

 

About Andrea Zanoli

Amministratore e blogger su Meladevice, appassionato ormai da6 anni del mondo Apple ed anche del mondo mobile in generale. Sport e videogiochi sono le altre mie grosse passioni